STORIA    

Il percorso
Le chiese
Il primo bicentenario
Tradizioni viventi
Candidato Unesco WHL

 

Showgallery

 

Il percorso

Per coloro che arrivano a Mendrisio per una visita, alla scoperta di quel centro storico che ha parecchio da svelare a chi si rende disponibile ad ascoltare la storia dell’antico Borgo, è pressoché impossibile immaginare la particolare atmosfera che impregna questi medesimi luoghi nel corso delle settimane che precedono la Pasqua, quando la presenza dei Trasparenti rende tutto diverso.

Le due principali arterie dell’antico Borgo ed alcune delle viuzze laterali, quelle percorse dai figuranti che compongono le Processioni del Giovedì e Venerdì Santo, vengono rischiarate dalla luce fioca ed affascinante dei Trasparenti, che le trasformano, rendendole museo a cielo aperto, e che sostengono i visitatori nella scoperta del percorso lungo il quale è utile assieparsi per assistere alle sfilate. I Trasparenti vengono affissi con attenzione, seguendo lo schema predefinito che assegna ad ognuno la sua precisa collocazione. Le chiese che si trovano lungo il percorso assumono ruoli diversi, ma tutti preziosi e particolari all’interno delle due manifestazioni.

La tradizione locale vuole che le chiese vengano visitate prima dell’inizio delle Processioni, così la gente cammina in centro, ascoltando le voci e le musiche che dagli altoparlanti raccontano dell’evento e della sua tradizione, alzando lo sguardo per ammirare i Trasparenti ed assaporarne le atmosfere e le caratteristiche pittoriche, in attesa degli eventi che annualmente si ripropongono con il medesimo schema. Le sfilate prendono il via dalla Chiesa di San Giovanni, attraversano tutto il Borgo antico per arrivare fino alla Chiesa dei Cappuccini e rientrare, percorrendo a ritroso il medesimo cammino, che transita per la seconda volta sulla piazza sottostante la Chiesa dei Santi Cosma e Damiano.

Molte le persone che, per cogliere al meglio le sfumature delle sfilate e dell’ambiente, attendono il secondo passaggio della Processioni prima di rientrare.

I trasparenti restano affissi per un periodo totale di due settimane circa, a cavallo della Pasqua.