INFO    

Organizzazione
Documenti
La Regione
Manifestazioni
Da visitare
Multimedia
Links
Sostenitori
Credits

 

Showgallery

 

Altre manifestazioni pasquali

Durante la Settimana Santa, nel Mendrisiotto si tengono diversi concerti pasquali e in ogni comune viene celebrata la ricorrenza della Passione. Un esempio emblematico di questa tradizione è la Via Crucis che si svolge annualmente a Riva San Vitale il giorno del Venerdì Santo. Dal 1945, però, il calendario pasquale si è arricchito di un altro appuntamento fisso: la Manifestazione sacra di Coldrerio, che si tiene ogni anno in zona "Castello" la sera del Mercoledì Santo e mette in scena alcuni episodi del racconto della Passione . Nata inizialmente come una riproduzione tout court della Funziun di Giüdee, nel corso degli anni Sessanta, essa assunse una connotazione più vicina a quella di una sacra rappresentazione convenzionale.

A differenza delle processioni del Giovedì e del Venerdì Santo di Mendrisio, quella di Coldrerio si è evoluta in una sorta di messinscena di paese ispirata al "dramma italiano di sacro argomento", nato alla fine del XIII secolo e diffusosi successivamente grazie alle Compagnie dei Disciplinati. In origine le sacre rappresentazioni erano una sorta di teatro popolare, caratterizzato da grandi scenografie, personaggi in costume e dialoghi brevi. Le tematiche predilette riguardavano il racconto della Passione di Gesù o gli episodi della vita della Madonna. Lo scopo di tali spettacoli era puramente divulgativo: trasmettere il messaggio biblico in una forma semplice, comprensibile anche al volgo che spesso e volentieri non sapeva né leggere né scrivere.

La filiazione della Manifestazione sacra di Coldrerio dalla Funziun di Giüdee è comprovata anche dalla presenza di un personaggio come il soldato con l’accetta, equivalente al portascure mendrisiense, tipico della tradizione borghigiana ma totalmente assente nel racconto evangelico. Altri personaggi – come Claudia Procula, moglie di Ponzio Pilato – vengono invece aggiunti alla sfilata. La Manifestazione sacra, che si divide in tre atti di rispettivamente quattro, tre e due quadri, è considerata sin dalla metà degli anni Ottanta il preludio delle Processioni storiche di Mendrisio.